© 2014 Paolo Sorge. Proudly created with Wix.com
 

Biography

Born in 1968, Paolo Sorge is a guitarist and composer from Catania, since twenty years he explores the musical field of improvisation with collateral interests in jazz, popular music, radical improvisation, film music for silent movies, soundscape composition, the method of conduction applied to music education, and composition for various ensembles, from electric guitar quartet to jazz orchestra. After having lived and worked for twelve years in Rome, in 2003 he returned to his homeland Sicily where his career started. 

In all these years Paolo Sorge has recorded and collaborated with many different musicians, like Stefano Maltese, Michel Godard, Francesco Cusa, Guido Mazzon, Butch Morris (Bologna, Angelica Festival 2006), Ab Baars e Ig Henneman, Keith Tippett, Don Byron, Elliott Sharp, Andy Sheppard, Guillermo Klein, Mark Turner, Fabrizio Bosso. He obtained a degree in composition (conservatory of Perugia, 1998) and in jazz (conservatory of Latina, 2001).

Besides working as a performing and recording artist, Paolo Sorge became very active as an educator in the jazz and improvisation field.

Presently he teaches jazz guitar at the conservatory “V. Bellini” in Palermo. 

He is one of the founders of the artists collective and record label Improvvisatore Involontario 

 

Selected Discography/Discografia selezionata

 

  • Paolo Sorge, TRIPLAIN - 2016, Improvvisatore Involontario (0047)

  • Paolo Sorge, RINGLIKE - 2015,  Improvvisatore Involontario (0046)

  • Paolo Sorge electric guitar quartet, TETRAKTYS - 2010,  Improvvisatore Involontario (018)

  • Paolo Sorge & the Jazz Waiters, SLOW FOOD – 2007, Improvvisatore Involontario (0005)

  • Paolo Sorge, TRINKLE TRIO  (con Francesco Cusa e Michel Godard) - 2003, AUAND AU9003

  • Sikelè Orchestra (conducted by Stefano Maltese), A WINGING FLOCK - 2014, Labirinti Sonori (LS 012)

  • Francesco Cusa Skrunch electric/vocal - JACQUES LACAN: A TRUE MUSICAL STORY - 2010,  Improvvisatore Involontario

  • Francesco Cusa Skrunch, PSICOPATOLOGIA DEL SERIAL KILLER, Improvvisatore Involontario (0001)

  • Stefano Maltese Ghost Company, 'DJA 'BA 'LA – 2006, Labirinti Sonori (LS 002)

  • Francesco Cusa Skrunch, L’ARTE DELLA GUERRA – Improvvisatore Involontario (0006); 

  • Lawrence D. “Butch” Morris, CONDUCTION/INDUCTION – 2007, Rai Trade

note biografiche

PAOLO SORGE , classe 1968, è un chitarrista e compositore già da tempo presente sulla scena del jazz contemporaneo nazionale e europeo. Da circa vent’anni conduce una ricerca trasversale nell’ambito delle musiche d’improvvisazione, coltivando contemporaneamente vari linguaggi musicali, e dedicandosi alla composizione intesa come sperimentazione di vari equilibri possibili tra scrittura e improvvisazione.

Dagli esordi in Sicilia, passando per una parentesi romana lunga dodici anni, fino al ritorno nella propria terra d’origine, ha suonato e collaborato in veste di chitarrista o direttore di vari ensemble con moltissimi musicisti di varia estrazione, tra cui Stefano Maltese, Michel Godard, Butch Morris (Bologna, Angelica Festival 2006), Ab Baars e Ig Henneman, Keith Tippett, Don Byron, Elliott Sharp, Andy Sheppard, Guillermo Klein, Mark Turner, Fabrizio Bosso.

Con Francesco Cusa ha fondato nel 2004 il movimento artistico ed etichetta discografica Improvvisatore Involontario, con base a Catania.

A partire dal 2009, in collaborazione con il Centro Etneo Studi Musicali di Catania, dirige regolarmente l'OrchestraLab, workshop di musica d'insieme per orchestra jazz che prevede la partecipazione di solisti di fama internazionale, già realizzato per quattro edizioni in vari luoghi del Sud Italia.

A Catania nel 2012 ha fondato il MagmArtEnsemble, con il quale ha dato vita alla prima edizione di (Ri)scritture - premio di arrangiamento e composizione con il trombettista Fabrizio Bosso in veste di solista ospite.

Attualmente è titolare della cattedra Chitarra Jazz presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo.

Dal 2014 il Dizionario Feltrinelli del Jazz Italiano a cura di Flavio Caprera gli ha dedicato una voce.